fbpx

Direttore Sanitario Dr. Antonino Nigito

Orari di apertura : Lunedì - Venerdì 9:00 - 13:30 / 15:30 - 18:30
  Contatti : 0932.1980116/ 0932.762572

Come fare un Digital Detox. E perchè dovresti farlo.


Un “digital detox” si riferisce a un periodo di tempo durante il quale una persona si astiene dall’uso di dispositivi tecnologici quali smartphone, televisori, computer, tablet e siti di social media. Il “disintossicarsi” dai dispositivi digitali è spesso visto come un modo per concentrarsi sulle interazioni sociali nella vita reale senza distrazioni. Rinunciando, almeno temporaneamente, ai dispositivi digitali, le persone possono liberarsi dello stress derivante dalla costante connettività.

Prima di decidere se sia la scelta giusta per te, considera alcuni dei potenziali benefici e metodi per effettuare un digital detox.

Le ragioni per il Digital Detox

Per molte persone, essere connessi e immersi nel mondo digitale è semplicemente parte della vita quotidiana. Secondo una ricerca della Nielsen Company, l’adulto medio statunitense trascorre circa 11 ore al giorno ascoltando, guardando, leggendo o interagendo con i media.

Ci sono molte ragioni per cui potresti voler rinunciare al tuo telefono cellulare e ad altri dispositivi per un breve periodo. Potresti voler goderti del tempo per te stesso senza l’interferenza che il tuo telefono e altri dispositivi creano. In altri casi, potresti sentire che l’uso dei tuoi dispositivi è diventato eccessivo e sta aggiungendo troppo stress alla tua vita.

In alcune situazioni, potresti persino sentirti come se fossi dipendente dai tuoi dispositivi. Sebbene la dipendenza dalla tecnologia non sia formalmente riconosciuta come un disturbo nel DSM-5, molti esperti credono che l’abuso di tecnologia e dispositivi rappresenti una vera e propria dipendenza comportamentale che può portare a problemi fisici, psicologici e sociali.

Cosa dice la ricerca

La tecnologia può essere stressante

Sebbene le persone spesso sentano di non poter immaginare la vita senza i loro dispositivi tecnologici, ricerche e sondaggi hanno scoperto che l’uso della tecnologia può anche contribuire allo stress.

Nel sondaggio annuale “Stress in America” dell’American Psychological Association, un quinto degli adulti statunitensi (circa il 18%) ha citato l’uso della tecnologia come una fonte significativa di stress nella propria vita. Per molti, è la costante connessione digitale e la necessità perpetua di controllare email, messaggi e social media a rappresentare la maggior parte di questo stress tecnologico.

Uno studio condotto da ricercatori in Svezia ha scoperto che un uso intenso della tecnologia tra i giovani adulti era collegato a problemi di sonno, sintomi depressivi e livelli di stress aumentati. (3)


I Dispositivi Digitali Possono Disturbare il Sonno

Le prove suggeriscono inoltre che un uso intenso dei dispositivi, in particolare prima di andare a letto, può interferire con la qualità e la quantità del sonno. Uno studio ha scoperto che i bambini che utilizzano dispositivi digitali prima di dormire avevano un sonno significativamente peggiore e meno riposante. Lo studio ha anche trovato una connessione tra l’uso notturno della tecnologia e un aumento dell’indice di massa corporea. (4)

I ricercatori hanno anche scoperto che l’uso di social media elettronici a letto ha effetti negativi sul sonno e sull’umore. Lo studio ha rilevato che il 70% dei partecipanti controllava i social media sui propri telefoni mentre era a letto, con il 15% che trascorreva un’ora o più sui social media stando a letto. I risultati hanno dimostrato che l’utilizzo dei social media quando si è a letto di notte aumenta la probabilità di ansia, insonnia e riduzione della durata del sonno. (5)

L’uso intensivo dei dispositivi potrebbe influire sulla salute mentale

Uno studio pubblicato sulla rivista Child Development ha scoperto che un uso quotidiano intensivo della tecnologia era associato a un rischio aumentato di problemi di salute mentale tra gli adolescenti. Più tempo trascorso utilizzando tecnologie digitali era collegato a sintomi aumentati di ADHD e disturbo di condotta, così come a una peggiore autoregolazione. (6)

Ricercatori dell’Università della Pennsylvania hanno recentemente pubblicato la prima ricerca sperimentale che collega l’uso dei social media, come Facebook, Snapchat e Instagram, al benessere diminuito. I risultati hanno rivelato che limitare l’uso dei social media ha ridotto i sintomi di depressione e solitudine. (7)

La connessione continua incide sull’equilibrio tra vita lavorativa e privata

Quel costante senso di essere sempre connessi può rendere arduo stabilire confini netti tra la sfera domestica e quella lavorativa. Anche quando ci si trova a casa o in vacanza, è difficile resistere alla tentazione di controllare la posta elettronica, rispondere a un messaggio da un collega o dare un’occhiata ai propri account sui social media.

In uno studio pubblicato sulla rivista Applied Research in Quality of Life, i ricercatori hanno riscontrato che l’utilizzo della tecnologia giocava un ruolo cruciale nella definizione dell’equilibrio tra lavoro e vita personale di un individuo. Tale studio suggeriva che l’uso di internet e delle tecnologie mobili influenzasse la soddisfazione complessiva sul lavoro, lo stress lavorativo e i sentimenti di sovraccarico.

Un periodo di digital detox potrebbe rivelarsi utile nel favorire la creazione di un equilibrio tra lavoro e vita personale più sano e meno stressante.


Il confronto sociale rende difficile essere soddisfatti.

Se dedichi del tempo ai social media, è probabile che ti sia ritrovato a confrontare la tua vita con quella dei tuoi amici, familiari, sconosciuti e personaggi famosi. Potresti trovarti a riflettere sul fatto che gli altri sembrano condurre esistenze più appaganti, ricche o avvincenti, basandoti su brevi, curati scatti che osservi nei loro post su Instagram o Facebook.

Come recita il detto, il confronto può veramente rubare la gioia. Disintossicarsi dalle connessioni sociali può rappresentare un modo efficace per concentrarsi su ciò che è essenziale nella propria vita senza confrontarsi costantemente con gli altri.

La connettività digitale può farti sentire come se stessi perdendo qualcosa.

La “paura di perdere” o FOMO, acronimo inglese, rappresenta la preoccupazione di lasciarsi sfuggire le esperienze che gli altri stanno vivendo. La costante connettività può alimentare tale timore. Ogni volta che si osserva un’immagine o un post accuratamente selezionato riguardante la vita altrui, si potrebbe avere la sensazione che la propria vita sia meno entusiasmante. Ci si potrebbe ritrovare ad accettare numerosi inviti sociali per timore di rimanere indietro.

Inoltre, il FOMO può portare a un costante controllo del dispositivo per paura di perdere un messaggio importante, una comunicazione diretta o un post.

Sottoporsi a una “disintossicazione digitale” rappresenta un metodo per fissare dei limiti e ridurre la paura di perdere qualcosa. Tuttavia, è essenziale farlo in modo tale da non sentirsi distaccati da ciò che accade nel proprio mondo digitale.

I segnali che potresti avere bisogno di una digital detox

  • Ti senti ansioso o stressato se non riesci a trovare il tuo telefono
  • Ti senti costretto a controllare il telefono ogni pochi minuti
  • Ti senti depresso, ansioso o arrabbiato dopo aver trascorso del tempo sui social media
  • Sei preoccupato dai “like”, commenti o condivisioni sui tuoi post social
  • Hai paura di perdere qualcosa se non continui a controllare il tuo dispositivo
  • Ti ritrovi spesso a rimanere sveglio fino a tardi o alzarti presto per giocare con il telefono
  • Hai difficoltà a concentrarti su una cosa senza dover controllare il telefono

Lascia un commento

×

Ciao, sono Simona

Hai bisogno di maggiori informazioni? Chatta con noi su Whatsapp!

× Chatta su WhatsApp