fbpx

Direttore Sanitario Dr. Antonino Nigito

Orari di apertura : Lunedì - Venerdì 9:00 - 13:30 / 15:30 - 18:30
  Contatti : 0932.1980116/ 0932.762572

uroflussometria

Uroflussometria: guida alla comprensione dei risultati

Il grafico mostrato nella foto di copertina è il risultato di un esame uroflussometrico, che è una prova utilizzata per valutare la velocità e la quantità di urina espulsa durante la minzione. Ecco come interpretare i dati forniti:

  • Maximum flow (Flusso massimo): 13.3 ml/s indica la massima velocità di flusso urinario raggiunta dal paziente. Questo valore è al di sotto della norma per gli adulti maschi, che di solito è tra i 15 e i 25 ml/s. Per le femmine, il range normale è leggermente inferiore. Un flusso massimo ridotto può essere indicativo di ostacoli al normale deflusso di urina, come l’ipertrofia prostatica benigna negli uomini o la stenosi dell’uretra.
  • Average flow (Flusso medio): 6.6 ml/s è la media del flusso urinario durante l’intero atto della minzione. Questo valore è calcolato dividendo il volume totale urinato per il tempo impiegato a urinare. Anche questo valore sembra essere al di sotto della norma, suggerendo un possibile flusso urinario ridotto.
  • Total voided volume (Volume totale emesso): 121 ml si riferisce alla quantità totale di urina espulsa durante l’atto della minzione. Questo volume può variare ampiamente tra gli individui e dipende da molti fattori, inclusa l’idratazione. Tuttavia, in generale, si considera un volume minzionale normale tra i 200 e i 400 ml.
  • Volume at maximum flow (Volume al flusso massimo): 35 ml indica il volume di urina espulso al punto in cui il flusso urinario è al suo picco massimo.
uroflussometria

In generale, un flusso urinario ridotto e un volume totale minzionale inferiore al normale possono essere segni di un’obstruzione del tratto urinario inferiore o di una disfunzione della vescica. Tuttavia, per una valutazione completa e accurata, questi risultati dovrebbero essere interpretati nel contesto dei sintomi del paziente, della storia clinica e di altri eventuali esami diagnostici. È sempre consigliabile discutere i risultati con un medico che può fornire una diagnosi e consigliare un piano di trattamento appropriato.

Lascia un commento

×

Ciao, sono Simona

Hai bisogno di maggiori informazioni? Chatta con noi su Whatsapp!

× Chatta su WhatsApp